26.5 C
Parma
giovedì, Luglio 29, 2021

A San Fruttuoso si rinnova l’intesa tra salumi piacentini e focaccia di Recco

A San Fruttuoso si rinnova l’intesa tra salumi piacentini e focaccia di Recco, per il secondo appuntamento del progetto di promozione dei prodotti tipici di due territori uniti dalla Valtrebbia, con il contributo del ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali.

Un’occasione di scoperta di veri e propri ‘Sapori in Paradiso’, itinerari curati da Lucio e Daniela Bernini di Dimensione Riviera, con tappa in Liguria per giornalisti, media, food blogger e produttori, alla scoperta dei segreti dei Salumi DOP Piacentini e della Focaccia di Recco col formaggio IGP, del mondo dei riconoscimenti comunitari e sul ruolo dei Consorzi, raccontando le affascinanti ed antiche storie dei prodotti e dei loro disciplinari di produzione. Nel pomeriggio del 9 luglio, a bordo di una delle Moto navi Società Golfo Paradiso, gli ospiti hanno raggiunto via mare San Fruttuoso di Camogli dove, nel cuore del Promontorio, tra Camogli e Portofino, è incastonata la millenaria Abbazia di San Fruttuoso, un luogo magico immerso nella natura, restaurato e riaperto al pubblico dal FAI-Fondo Ambiente Italiano, raggiungibile soltanto via mare o a piedi. In una speciale visita guidata con il direttore, l’architetto Alessandro Capretti, i partecipanti hanno potuto conoscere la storia, i restauri, i segreti e le bellezze di questo luogo unico al mondo e che ha ricominciato ad accogliere turisti.

Di fronte all’Abbazia, nelle acque dell’Area Marina Protetta a 17 metri di profondità, si trova la statua in bronzo del Cristo degli abissi, opera dell’artista Guido Galletti: è famosa in tutto il mondo e una copia a grandezza naturale è esposta all’interno della Chiesa di San Fruttuoso. Nel mese di giugno 2021, ha detto il direttore, è stato raggiunto il numero di visitatori di giugno 2019, ante covid, grazie proprio alla ripresa del turismo interno: un buon viatico per il progetto Sapori in Paradiso, che punta anche alla promozione dei rispettivi territori, in attesa di poter accogliere nuovamente appassionati di cibo e d’arte dall’estero.

Nel tardo pomeriggio, rientro a Recco con tappa questa volta al ristorante Manuelina, in terrazza, dando il giusto spazio ai veri protagonisti della giornata, le presentazioni dei prodotti DOP e IGP protagonisti di “Sapori in Paradiso” con “master class” guidate dagli esperti dei due Consorzi, degustazioni di Salumi DOP Piacentini e “Cooking show” della Focaccia di Recco col formaggio IGP. Un evento tenuto a battesimo dagli amministratori di Recco: il sindaco Carlo Gandolfo e la vice, Edvige Fanin. Ospiti di Cesare Carbone, patron di Manuelina, lo chef Marco Pernati ha illustrato la preparazione della prelibata focaccia di Recco, così come Roberto Belli, direttore del Consorzio Salumi Dop, grazie al maestro norcino Fabrizio Mazzoni ha dato un vero e proprio assaggio dell’antica tecnica del confezionamento di pancetta e salame.

L’intesa tra focaccia e salumi si allarga così a ristoratori e altri produttori locali: il menù – arricchito da paccheri all’arrabbiata con acciughe marinate e crema di melanzane e budino di prescinseua con biscotto di mandorle salate e salsa di lamponi – è stato accompagnato da due spumanti, il Contro Tempo delle cantine Mossi di Marco Profumo, presidente del Consorzio Vini Doc Piacentini, trattenuto a Piacenza in questa occasione. Bollicine a base ortrugo che hanno preceduto quelle a base vermentino di Axillo il secondo spumante, del produttore locale Andrea Bruzzone. Un tocco di Valpocevera anche per la chiusura della cena, con una degustazione di distillati realizzati sempre dalla famiglia Bruzzone: il progetto Opificio Clandestino degli In – Fusi. Sentori di chinotto, basilico, delle rose di Genova e delle nocciole di Chiavari: tutti gli aromi di una terra pronti a conquistare – è questo il nostro augurio – l’arte della mixology.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article