6.6 C
Parma
mercoledì, Dicembre 1, 2021

Appennino Festival, doppio appuntamento domenica 19 settembre


Redazione

19 settembre 2021 00:34

Fra il pellegrinaggio laico del clerici vagantes e le più belle canzoni popolari. Doppio appuntamento per l’Appennino Festival che domenica 19 mette in calendario due concerti. A San Pietro in Cerro, nel castello alle 18.30, l’associazione “Le Terre Traverse” in collaborazione con Appennino Festival propone “Tra verdi campi. Trovatori, menestrelli e pellegrini al tempo di Dante”.

Protagonista del concerto sarà la bravissima arpista bretone Marianne Gubri che si esibirà all’arpa gotica e bardica e che è già nota al pubblico di Appennino Festival: insieme a lei saranno presenti gli Enerbia diretti da Maddalena Scagnelli, il gruppo vocale “Le rose e le viole” e i giovani e bravi attori Eugenia Del Bue e Andrea Groppi, oltre a Carlo Gandolfi chiamato a esibirsi alle cornamuse, alla ciaramella, al piffero e ai flauti diritti.

Il recital di poesia e musica del gruppo Enerbia riporta in vita lo splendido repertorio cortese e lo accosta a quello di altri erranti musicali: i clerici vagentes e i pellegrini lungo le strade devozionali europee quali la Via Francigena e il Cammino di Santiago. Il concerto ripercorrerà dunque il pellegrinaggio laico dei trovatori dalla Provenza verso tutta Europa, di poeta in poeta, attraverso dialoghi poetici e musicali che si annodano, vengono interrotti e poi ripresi nel tempo: nel loro cammino verso sud e verso nord, i poeti erranti portano con sé liuti, vielle e arpe, sostando di corte in corte e diffondendo la nuova poesia e la nuova concezione dell’amore.

E proprio l’amore è il tema dell’altro appuntamento di Appennino Festival, in programma sempre domenica 19 ad Albarola di Vigolzone, nel giardino della ex scuola, alle 16: si tratta del concerto dei New Lucky Fella “Parlami d’amore”, dedicato alle più belle canzoni popolari da tutto il mondo, interpretate da Gianluca Cavagna, Elisa Dal Corso, Maria Dal Corso, Lorenzo Geroldi, Mattia Signaroldi, Mario Finulli. Uno spettacolo interessante che raccoglie sette storie d’amore raccontate attraverso le parole di diversi autori contemporanei (da Baricco a D’Avenia, da Gramellini a Simi) e i canti popolari dagli anni Trenta agli anni Sessanta italiani e non solo.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Eventi

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article