31.6 C
Parma
giovedì, Luglio 29, 2021

Attese le sentenze Pomarelli e Damia, presidio al Tribunale “Ci vogliamo vive”

L’associazione “Non una di meno” ha organizzato per lunedì mattina alle 9 un presidio davanti al Tribunale di Piacenza dove è attesa la sentenza per l’omicidio di Elisa Pomarelli e quella di Damia El Assali uccisa a Borgonovo dal marito. Unico imputato del processo Pomarelli è Massimo Sebastiani, già arrivato in tribunale, che verrà giudicato con il rito abbreviato.

I promotori con un post sui social spiegano l’iniziativa collegandola all’approvazione del Ddl Zan contro l’omolesbotransfobia. Le loro parole: “Perchè è importante che il DDL ZAN sia approvato? Perchè a Elisa non è stata riconosciuta la violenza subita in quanto lesbica vittima di odio da parte di chi l’ha uccisa. Le narrazioni di vittime di lesbicidio, come per Elisa Pomarelli, sono invisibilizzate perchè l’orientamento sessuale non è conforme all’ordine patriarcale ed eteronormativo. Così come per le soggettività trans, intersex e non binarie. Non Una Di Meno ha fin dall’inizio creato un Piano Nazionale con i punti fondamentali delle istanze che portiamo avanti e in quel Piano si ritrovano anche le Linee guida per una narrazione non sessista”.

Ripercorriamo brevemente le pratiche affrontate come nodo Nudm Piacenza a sostegno del lesbicidio di Elisa Pomarelli. Elisa è stata uccisa il 25 agosto 2019 e il suo corpo è stato trovato il 7 settembre . E’ stato organizzata una ricerca del corpo e una fiaccolata nella speranza di trovarla viva . La spettacolarizzazione di un dramma e la narrazione tossica dei media è iniziata subito mettendo Elisa al centro di un dibattito che la vedeva non come vittima ma come causa della violenza subita. L’invisibilizzazione che ha subito come lesbica è stata più volte controbattuta da prese di parole della famiglia stessa e dal nostro nodo che da subito si è unito alla famiglia e oggi conta al suo interno tra le nostre compagne Debora Pomarelli, la sorella. Le famiglie cercano risposte cercano sostegno”.

“Ci siamo interrogati insieme sull’importanza di potersi concedere la rabbia di poterla manifestare e di non sentirsi sempre parte lesa spesso vittima di ricatti mediatici come è accaduto per la restituzione del corpo. La sottrazione dei corpi anche da morte ha previsto che Elisa potesse tornare a casa solo dopo mesi, quasi un anno. Ed è tornata anche perchè siamo scese in Piazza con la famiglia e seppur in pochi abbiamo manifestato il nostro dissenso rendendoci sempre più consapevoli della forza del Movimento stesso che impatta sulle nostre vite ovunque noi siamo . Abbiamo creato una raccolta fondi per aiutare la famiglia a sostenere le spese economiche di avvocati…soldi che spesso non bastano…e non sono bastati. L’8 marzo siamo scesi davanti al Tribunale per protestare perché nonostante il rito abbreviato concesso a chi ha ucciso Elisa c’era la possibilità che fosse depositata una perizia psichiatrica in suo favore. Ora si attende la sentenza”.

La storia di Damia: Damia è stata trovata morta la mattina dell’8 maggio 2019 nella sua abitazione di Borgonovo. Uccisa dal marito Abdelkrim Foukahi con cinque coltellate di cui una alla gola. L’uomo era poi scappato portando con sé i due figli. Damia lavorava alla vetreria di Borgonovo da anni, veniva dal Marocco e lì aveva comprato da poco una casa al mare sulle coste per trascorrere le vacanze con la famiglia. Aveva 3 figli. La più grande 23 anni, vive in Marocco e studia all’università. I due più piccoli, 3 e 6 anni, dopo essere stati rapiti dal padre, sono stati affidati alla sorella di Damia e a suo marito. Le persone che lavoravano con lei e il paese si sono adoperati per raccogliere un po’ di fondi per sostenere parte delle spese per il rimpatrio del corpo di Damia. Il funerale si è potuto svolgere 9 mesi dopo il femminicidio mentre per il rimpatrio di Damia, famiglia, parenti e amici hanno dovuto aspettare 15 mesi. Nel frattempo era stato accolto il ricorso della difesa sull’incostituzionalità della legge che nega il rito abbreviato che consente lo sconto di un terzo della pena a chi ha commesso delitti puniti con l’ergastolo Il ricorso però non è stato vinto e Abdelkrim Foukahi ha affrontato un processo con rito ordinario. Ora si attende la sentenza”.

IN AGGIORNAMENTO

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article