3.7 C
Parma
sabato, Dicembre 10, 2022

Celti, Etruschi e Romani: tre siti archeologici per conoscere il territorio attorno a Bologna

Conoscere le origini di un territorio come quello dell’Emilia-Romagna ci porta inevitabilmente indietro di qualche secolo, o forse dovrei dire di qualche millennio.

Capita così, che girovagando per il territorio regionale, si incontrino i resti di antichi insediamenti celti ed etruschi, affiancati a siti più recenti di età romana.

Ecco allora tre itinerari per conoscere tre diverse aree archeologiche disseminate qua e là nell’area attorno a Bologna: la città etrusca di Kainua a Marzabotto, il parco archeologico di Monte Bibele a Loiano, e la città romana di Claterna a Ozzano dell’Emilia.

Tre differenti luoghi che raccontano storie antiche e affascinanti capaci di trasmettere con i loro resti materiali quel profondo senso di scoperta e viaggio a cui ognuno di noi dentro di sé anela. Il tutto accompagnato da un pizzico di sana curiosità capace di alimentare ogni fantasia e desiderio umano.

Gli etruschi e l’antica città di Marzabotto

Tra il VI e il IV secolo a.C. il territorio del comune di Marzabotto ospitò una delle più importanti città-stato dell’Etruria padana: la città di Kainua.

So quello che state pensando: gli Etruschi in Emilia-Romagna? Beh, certo, nella loro espansione verso nuovi territori, questa facies culturale originaria dell’area lazio-toscana giunse in Pianura Padana attorno al VII-VI sec. a.C.

Qui fondarono ben dodici città (tra cui Verucchio e Spina), legate da rapporti commerciali e politici con la madrepatria.

Fra queste, l’unica oggi interamente visitabile è per l’appunto il centro di Kainua, in provincia di Bologna.

Camminando lungo i principali assi stradali di questo centro è possibile ammirare parte dell’abitato e dei suoi quartieri, contraddistinti da resti di abitazioni. Ci sono anche santuari religiosi importanti, come quelli recentemente scoperti di Tinia (sommo dio degli Etruschi, il loro Zeus per intenderci) e Uni, la coppia divina a capo del pantheon etrusco.

Su un pianoro, poco più in là, sorge l’acropoli della città con edifici sacri e altari propiziatori.

Più giù ben due necropoli con sepolture in pietra sormontate in qualche caso da caratteristici segnacoli a uovo.

A completare, infine, il percorso partecipa il prestigioso Museo “Pompeo Aria” che getta luce sulla storia e le vicende del sito.

I Celti e Monte Bibele

Il Parco archeologico di Monte Bibele, nel comune di Loiano, ci racconta una storia differente rispetto a quella cittadina di Marzabotto.

Visitare quest’area è un’esperienza unica, capace di unire alla dimensione naturalistica quella storico-archeologica del contesto territoriale.

La visita parte come una passeggiata nei boschi selvaggi che contraddistinguono questo tratto di Appennino, motivo per cui furono scelti anticamente come aree sacre in cui ricercare il contatto con la divinità.

Ma cosa è possibile vedere all’interno del Parco? Beh, in quest’area si ritrovano tracce di insediamenti preistorici, che dall’Età del Rame giungono fino a quella del Ferro, ma anche constatare il passaggio degli Etruschi e quello decisivo dei Celti a partire dal 380 a.C.

I resti archeologici si trovano in un’area che comprende il massiccio di Monte Bibele, l’area di Monte Tamburino e Pianella di Monte Savino.

Sul primo sono presenti evidenze archeologiche di epoca preistorica. In particolare è da segnalare una stipe votiva di epoca etrusca, al cui interno sono state rinvenute ben 195 statuette in bronzo.

Un’altra stipe, risalente all’età del Ferro, si trova alle pendici del Monte Tamburino, dove è presente anche una necropoli che risale alla fase dell’insediamento celtico con moltissime tombe.

Infine l’area di Pianella di Monte Savino in cui ha sede il villaggio etrusco-celtico con la sua necropoli.

A completare il percorso interviene il Museo Civico Archeologico “Luigi Fantini” di Monterenzio, in sono raccolti materiali provenienti dalle campagne di scavo condotte nell’insediamento di Monte Bibele e della sua necropoli, andando di fatto a costituire una delle più importanti raccolte di materiali celtici in Italia.

Il parco archeologico è raggiungibile imboccando il largo sentiero 803, ed è percorribile sia a piedi sia in bicicletta. Tra cespugli di ginestre e vedute suggestive, si incrocia il sentiero 805 fino al centro servizi di Monte Bibele.

I Romani e la città di Claterna

Città di Claterna (Ozzano dell'Emilia, Bologna)
Città di Claterna (Ozzano dell’Emilia, Bologna) | Foto © museoclaterna.it

Siamo nel comune di Ozzano dell’Emilia, al confine tra la grande Pianura Padana e il Parco dei Gessi Bolognesi e dei Calanchi dell’Abbadessa.

Qui, subito fuori Bologna, lungo l’asse stradale dell’antica Via Emilia, c’è una città completamente intatta che dorme sotto i campi da più di 1500 anni. Il suo nome è Claterna, un piccolo villaggio a vocazione agricola, trasformato durante il periodo romano in municipio.

Si tratta di uno dei pochi centri antichi della regione a non aver avuto continuità abitativa, il che ha garantito una maggiore conservazione delle sue strutture.

Purtroppo il sito archeologico non è liberamente visitabile. Ciò nonostante è possibile conoscere la sua realtà e la sua storia, visitando il Museo della città di Claterna di Ozzano.

Da segnalare la possibilità di un trekking spettacolare sui panoramici Calanchi dell’Abbadessa a partire dalla piccola Chiesa di Sant’Andrea: imboccando i sentieri 801A e 801B, e poi la sterrata Via del Pilastrino, è possibile raggiungere un punto panoramico da cui godere una vista incantevole che da Monte Bibele ci porta con lo sguardo fino a Corno alle Scale.

L’articolo Celti, Etruschi e Romani: tre siti archeologici per conoscere il territorio attorno a Bologna proviene da Travel Emilia Romagna.

Questo post è stato pubblicato da Travel Emilia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article