4 C
Parma
sabato, Dicembre 10, 2022

Conferenza online “I restauri della Cattedrale dalla progettazione neogotica”

Conferenza online “I restauri della Cattedrale dalla progettazione neogotica a simbolo dell’impegno etico e civile del vescovo Scalabrini”

Per il ciclo di conferenze dedicate ai restauri scalabriniani, l’appuntamento sarà Mercoledì 16 febbraio alle ore 18, che vedrà come relatrice Valeria Poli, autrice di un recente studio dedicato all’argomento.

Durante la Restaurazione, tra il 1830 e il 1841, si registrano una serie di interventi di ridefinizione del complesso monumentale della cattedrale e del palazzo Vescovile che, congiuntamente ad un ripensamento del prospetto sulla piazza del Duomo, vanno nella direzione della ricerca dell’unità e dell’armonia nell’assoluta indifferenza per la consistenza materiale antica.

Gli interventi interni, in particolare, sono riconducibili alla progettazione neogotica, in ossequio ai criteri dell’eclettismo tipologico, consigliata nel caso di edifici medioevali. Nel corso del XIX gli interventi passano dalla progettazione neogotica alla ricerca dell’originario splendore e quindi ad interventi alla ricerca dell’unità stilistica che, privilegiando lo stile medievale, utilizzano criteri progettuali piuttosto che conservativi avvalendosi della sistematica sostituzione del materiale.

L’inversione di tendenza avviene quando, nella rilettura del passato, è identificabile il modello culturale non solo della nuova ideologia nazionale e liberale, ma anche dell’impegno etico e civile. Le motivazioni addotte dal vescovo Giovan Battista Scalabrini, che si fa promotore e finanziatore dell’intervento sulla cattedrale, per convincere della necessità ed urgenza dell’intervento, sono infatti, non solo di ordine religioso, ma anche di carattere estetico ed etico

La cultura alla base dell’intervento progettato dall’arch. Camillo Guidotti, promosso dal vescovo Scalabrini e gestito dalla commissione amministrativa, è stata oggetto di aspre critiche già pochi anni più tardi dallo studioso Kingsley Porter che sottolinea come “nonostante il recente restauro, che ha equivalso quasi alla distruzione dell’antico edificio, è ugualmente… uno dei più importanti edifici religiosi dell’Italia settentrionale”.

Il giudizio sull’intervento condotto sulla cattedrale deve quindi essere formulato valutandone i due  differenti versanti: quello architettonico, distinto tra il progetto di ripristino stilistico e quello di consolidamento, che mettono in rilievo la figura dell’architetto Camillo Guidotti in ritardo rispetto alle teorie elaborate in campo accademico; e quello invece politico e sociale che vedono vincente la figura del vescovo Scalabrini che contribuì personalmente  a quasi un quarto delle spese sostenute (399.486 lire) e che si premurò di rendere nota ogni decisione presa pubblicando gli studi del prof. Camillo Guidotti, il parere dell’arch. Luca Beltrami e la conferenza tenuta dal cav. Ing. Cesare Nava.

L’appuntamento si svolgerà online su piattaforma Zoom alle ore 18.00. Per partecipare, con la possibilità di interagire tramite eventuali domande e richieste di curiosità, è necessario iscriversi compilando il form contenuto nella seguente pagina web:

https://cattedralepiacenza.it/event/conferenza-arte-e-architettura-2022-02-16/

Il giorno dell’evento sarà inviato il link di Zoom ai soli scritti.

Senza la possibilità di interazione con il relatore l’incontro sarà visibile in diretta sulla pagina Facebook: Complesso Monumentale Cattedrale di Piacenza

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Eventi

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article