Danimarca del Nord: tour alla scoperta della “terra della luce”

102 1024x683
102 1024x683

Danimarca del Nord: tour nella terra della luce. Un paesaggio aspro con dune sabbiose, brughiere, foreste e spiagge di fine sabbia bianca che non hanno niente da invidiare ai più noti lidi del Mediterraneo. Skagen, nello Jutland del nord, la regione più settentrionale della Danimarca, è un’oasi di pace e tranquillità immersa in un chiarore magico, un’atmosfera da assaporare senza fretta.

Grenen, la penisola della luce

È il posto con il maggior numero di ore di luce della Danimarca: Grenen, l’ultimo avamposto in terra danese prima di raggiungere la Svezia. Una lingua di sabbia bianca che si protende vertiginosamente nel mare, che la circonda da ogni lato. O meglio, in mezzo ai due mari, quello del Nord e quello Baltico, che provengono da direzioni opposte, si incontrano, ma non si mescolano (i due mari hanno, infatti, densità, salinità e temperature differenti), creando così un suggestivo effetto cromatico naturale che ogni anno è ammirato da due milioni di persone.

Danimarca del Nord: il tour tranquillo

Un luogo iconico dove ogni passo è un invito a concedersi il tempo necessario per godersi la tranquillità del posto, tra il verde della natura e la costa aperta e sabbiosa, il buon cibo e i panorami. Come quello che si ammira dal Grå Fyr, il faro risalente al diciottesimo secolo, che si spalanca fino all’estremità più settentrionale del litorale, da contemplare in appagata solitudine.

Skagen, patria di artisti

Tutti conoscono il celebre movimento impressionista francese di fine ‘800, ma in pochi hanno mai sentito nominare l’omologo gruppo di artisti scandinavi, i Pittori di Skagen. Le opere di Anna e Michael Ancher, PS Krøyer e Viggo Johansen, sono oggi esposte allo  Skagens Museum. Il museo è opera dell’architetto  Ulrik Plesner che ideò anche l’Hotel Bøndums, il luogo prediletto di ritrovo degli artisti di Skagen. Ancora oggi, nella hall dell’albergo, sono visibili alcune opere dei pittori scandinavi che ripagavano la loro permanenza donando le proprie tele.

Il viaggio alla scoperta del patrimonio culturale della città prosegue a sud del centro storico di Skagen dove si trova uno degli edifici più bizzarri di Danimarca, la Chiesa di San Lorenzo, chiamata anche chiesa sepolta. Costruita nella seconda metà del XIV secolo, nel ‘600 cominciò a essere sotterrata dalla sabbia e alla fine del ‘700 fu abbandonata. Oggi è visibile solo la torre bianca che spunta dalla sabbia.

Løkken tra dune e brughiere

Scendendo più a sud, intorno a Løkken, l’ambiente è più mite. Ci sono colline, terreni fertili, baie, insenature e praterie che si tuffano nel mare. È una bellezza non gridata, che si scopre poco a poco, duna dopo duna, brughiera dopo brughiera. Tra una visita ai bunker della Seconda Guerra Mondiale e una sosta di gusto  all’Huset Havs, ristorante gourmand a due minuti a piedi dal litorale, non scordate di prenotare una lezione di surf (anche per principianti) con il team di North Shore Surf  nei pressi del molo di Løkken.

In vacanza tutto l’anno

Se le onde non sono il vostro forte, potete prenotare un corso di  paddling a nord di Løkken, fino al Faro di Rubjerg Knude (aperto di giorno e di notte, ingresso gratuito). La costa tra le due cittadine, intervallata com’è da dune che cambiano forma con i capricci delle maree, è bellissima. Una cornice incantevole perfetta per ogni tipo di vacanza e in ogni periodo dell’anno che al tramonto offre uno scorcio magico sul Mare del Nord.

L’estate in Danimarca del Nord e gli eventi

Sankt Hans (23 giugno): alla vigilia di San Giovanni, i danesi si riuniscono intorno ai falò sulla spiaggia di  Sønderstrand e, per l’occasione, intonano la canzone della notte di mezza estate, scritta nel 1885 dal poeta nazionale Holger Drachmann.

– Skagen Festival (4 – 7 luglio): il festival musicale più antico della Danimarca dedicato alla musica popolare e folk dello Jutland.

Skagen Hiking Festival (6 -8 settembre): passeggiate guidate, esercizi all’aria aperta ed escursioni nella natura lungo i sentieri intorno a Skagen.

Come arrivare, dove alloggiare

In Danimarca del Nord, dall’Italia si vola su  Billund e poi con la macchina si raggiunge Skagen. L’alternativa è volare su Copenaghen, da lì prendere un volo interno su Aalborg e poi noleggiare una macchina.

Dove fermarsi la notte: Brøndums Hotel : il luogo di ritrovo prediletto dai Pittori di Skagen. Architettura tipica nordica e stile minimalista: no TV e le camere nel palazzo centrale hanno i bagni in comune, proprio come ai tempi in cui l’albergo era frequentato dagli artisti. Doppia b&b da 100€.

Alternativa: Ruths Hotel : nella città vecchia in un edificio di inizio ‘900. Camere spaziose, terrazza vista mare e sauna. Doppia b&b da 180€.

- Advertisement -