3.4 C
Parma
martedì, Dicembre 6, 2022

Difesa bipartisan di Ultori sull’ex mercato ortofrutta “Pronto a lasciare i Liberali”

Solidarietà da tutte le parti politiche, da destra a sinistra, per il consigliere comunale Gian Paolo Ultori dei Liberali Piacentini, sconfessato dal suo gruppo politico con un laconico comunicato sulla vicenda dell’ex mercato ortofrutta di via Colombo. E lui si dice pronto a lasciare i Liberali Piacentini, gruppo al quale aveva aderito dopo l’elezione in consiglio comunale. “Sto valutando cosa fare – afferma – sono mortificato e frastornato, per un attacco che non mi aspettavo, che non posso accettare perchè non è un attacco politico, ma è rivolto alla mia persona sul piano morale”.

Nel corso della discussione in aula di lunedì scorso, sulla variante urbanistica per la realizzazione del parcheggio al posto del vecchio mercato ortofrutticolo, Ultori ha infatti difeso la decisione dell’amministrazione (che sostiene), a differenza del capogruppo Liberale Antonio Levoni, che non ha partecipato al voto sollevando perplessità sulla scelta. Un comportamento così definito nel comunicato ufficiale dei Liberali: “a differenza del Consigliere Capogruppo Levoni, il Consigliere Ultori (che peraltro ha la sua abitazione proprio in zona) da più tempo assume posizioni a titolo meramente individuale”.

Ultori respinge al mittente le illazioni del comunicato e ringrazia tutti coloro che gli hanno espresso solidarietà politica e umana: “Mi hanno chiamato in tantissimi, dal sindaco a diversi consiglieri di minoranza e di maggioranza. Ora sto pensando a cosa fare”. Nessuna telefonata da parte degli esponenti liberali, invece.

I capigruppo a Palazzo Mercanti dei partiti di centrodestra, Francesco Rabboni (Forza Italia), Giancarlo Migli (Fratelli d’Italia), Carlo Segalini (Lega) hanno deciso di manifestare la loro solidarietà a Ultori con queste parole: “Se vi è stato un consigliere che, più di tutti, si è impegnato nel corso del mandato per risolvere i problemi dei cittadini, mettendo gratuitamente al servizio della comunità anche le sue eccellenti qualità professionali, questo è Paolo Ultori. I suoi assensi o dissensi sulle pratiche amministrative non sono mai stati frutto di valutazioni politiche o di pregiudizi, avendo sempre scelto in ragione della convinzione personale che si era fatto”. “Così è stato anche per la pratica riguardante l’ex mercato ortofrutticolo, una struttura abbandonata da 8 anni poiché gli immobili erano inagibili, per la quale ha svolto un intervento tecnico ineccepibile, e da alcuno contestato, a favore della soluzione proposta dall’Amministrazione, senza di certo farsi condizionante dal fatto di abitare a 1 chilometro di distanza dalla stessa. In verità non una colpa, ma un’opportunità per conoscere a fondo le lamentele dei cittadini nel vedere una struttura fatiscente ed utilizzata da abusivi per scopi non di certo meritori”.

Per l’amicizia che ci lega a Paolo, prima ancora per la comune appartenenza al centrodestra – concludono -, sentiamo il dovere di esprimergli gratitudine per la sua azione amministrativa e solidarietà umana per affermazioni che feriscono ingiustamente una persona perbene”.

“SOLIDARIETA’ A ULTORI” – Sulla vicenda si registra anche l’intervento dei consiglieri comunali Sergio Dagnino (5 Stelle), Stefano Cugini (Pd) e Luigi Rabuffi (Piacenza in Comune): “Abbiamo letto – scrivono – la nota dei Liberali relativa al consigliere Ultori. Al di là delle questioni politiche, sulle quali non ci permettiamo di intervenire, vogliamo esprimere solidarietà al collega per quello che consideriamo un attacco alla sua persona e alla sua libertà di voto, che dimostra onestà intellettuale, della quale il consigliere Ultori è stato in questi anni ottimo interprete”.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article