8.5 C
Parma
mercoledì, Dicembre 1, 2021

Girometta (FI) “Più poteri ai Comuni per contrastare criminalità e malessere sociale”dalismo

Intervento di Gabriele Girometta, commissario Forza Italia Piacenza, dopo l’aggressione avvenuta la sera del 31 ottobre scorso in centro città e le scritte sui muri al Duomo di Piacenza

“La città di Piacenza, soprattutto il centro della città stessa, è rimasta vittima in poche ore di due episodi alquanto spiacevoli e sicuramente pericolosi anche se appaiono molto differenti tra loro: il primo è l’episodio accaduto in Piazza Cavalli, nella serata del 31 ottobre, dove un egiziano armato di coltello ha aggredito i poliziotti che erano intervenuti per sedare lui e le sue farneticanti affermazioni e un malcapitato operatore ecologico che stava svolgendo il suo normale turno di lavoro e che, pur ferito, è riuscito ad evitare il peggio. Il secondo, accaduto a poche ore di distanza e di cui si è avuta coltezza solo la mattina del 2 di novembre, è un atto vandalico perpetrato a danno dei muri del Duomo di Piacenza (forse la stessa mano ha colpito anche la facciata del Teatro Filodrammatici) con scritte offensive nei confronti di Dio e del nostro amato Vescovo Adriano Cevolotto”.

“Inutile ribadire, nel caso dell’egiziano pregiudicato e clandestino, che il sistema giudiziario non funziona perché nel giro di pochi giorni un soggetto socialmente pericoloso riesce a compiere diversi atti delittuosi, arrivando al tentato omicidio, senza venire allontanato coattamente dall’Italia o incarcerato nell’attesa di provvedimenti restrittivi: non ci è scappato il morto per poco, ma non si può chiedere troppo alla fortuna. Nel secondo caso, invece, l’episodio non credo che si possa archiviare come una semplice bravata: sono segnali di malessere che comunque sono alimentati da un clima di tensione che oggi si può assorbire soprattutto dai social che va a colpire i soggetti più fragili che la situazione COVID e post COVID ha creato. Naturalmente esprimiamo la nostra piena solidarietà al poliziotto, al netturbino ferito e anche alla Chiesa Piacentina e al nostro Vescovo Adriano Cevolotto. Al tempo stesso però occorre che il Governo affidi, ai Sindaci e ai Comuni, poteri e mezzi più ampi per garantire la sicurezza dei cittadini nelle città. Più uomini per le forze dell’ordine e più risorse per aiutare le famiglie in difficoltà, queste ultime perno dell’educazione e della pace sociale, sono sicuramente necessari per iniziare ad avere meno situazioni di pericolosità”.

“Ma occorre anche una revisione del sistema di accoglienza e di quello giudiziario che deve isolare o neutralizzare i soggetti che sono dichiaratamente e manifestatamente pericolosi per la società civile, per far sì che episodi come quelli sopracitati non possano più accadere”.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article