2.3 C
Parma
sabato, Dicembre 4, 2021

I giovani sono più imprenditoriali che mai, ma le sfide rimangono

Secondo dati recenti, i giovani sono più imprenditoriali che mai, avviando il doppio delle attività rispetto alla generazione del baby boom. Ma rimangono alcune sfide aperte per aspiranti giovani imprenditori, tra queste la distribuzione ineguale dell’esperienza dell’impresa familiare e le barriere all’avvio di un’impresa; la gestione delle risorse e i costi vivi da affrontare.

Una nuova generazione di imprenditori soprannominata piuttosto goffamente i “Millennipreneurs” rubano la scena nell’ultima edizione del Global Entrepreneur Report, un’indagine globale che mappa le tendenze nell’attività e negli atteggiamenti imprenditoriali. Sono stati intervistati quasi 3000 imprenditori multimilionari, in 18 paesi.

Secondo gli esperti, questa nuova avanguardia di imprenditori fino ai 35 anni adotta un approccio diverso al business rispetto alle generazioni precedenti, soprattutto in termini di ambizioni e stile di leadership. Essi infatti creano più aziende, con un numero maggiore di dipendenti e obiettivi di profitto più elevati. Tendono certamente ad essere interessati alla nuova economia, ma sono ugualmente attivi in ​​molti settori tradizionali tra cui Retail e Servizi professionali come il diritto e la contabilità.

Mentre i “baby boomer” di età pari o superiore a 50 anni hanno avviato in media 3,5 aziende, questa cifra è più che raddoppiata a 7,7 aziende per il gruppo millennial. Un dato a dir poco impressionante, e che suggerisce che i venti e trenta qualcosa di oggi stanno raggiungendo livelli di attività imprenditoriale davvero senza precedenti.

D’altra parte, la ricerca ha anche rivelato che il 78% degli imprenditori millennial intervistati proveniva da famiglie con una storia di gestione della propria attività. Un’impresa di successo in famiglia offre a un giovane l’accesso a competenze, reti e capitali che altrimenti gli mancherebbero. Anche se questo non è sbagliato di per sé, implica una condizione di parità di condizioni, una sfida per coloro che credono nella meritocrazia.

Il fatto che una percentuale così elevata di giovani imprenditori di successo provenga da famiglie con esperienza imprenditoriale evidenzia il lavoro che deve essere incentivato da sgravi governativi e regimi di bassa fiscalità e IVA agevolata, così come trovare un’alternativa al conto corrente per libero professionista che possa abbattere spese vive anche nella gestione dei budget, per rendere l’imprenditorialità un percorso di carriera veramente aperto a tutti. 

Questo lavoro potrebbe includere il miglioramento della qualità e l’accessibilità dell’educazione all’imprenditorialità nelle scuole e nelle università, il collegamento di imprenditori di successo con i giovani come mentori e l’aumento sia della disponibilità che della consapevolezza degli schemi di finanziamento per le startup, sia l’apertura verso società di fintech completamente online, come Qonto, da sempre vicino a startupper e liberi professionisti. Soprattutto, è necessario garantire che l’evidente potenziale imprenditoriale dei millennial di oggi sia realizzato, indipendentemente dal background e foraggiato anche dagli istituti creditizi con finanziamenti agevolati come le tariffe Qonto.

Per quanto riguarda in particolare i giovani, le università dovrebbero fare di più per aiutare gli studenti internazionali ad ottenere visti di lavoro post-laurea e collegarli con le aree dell’economia in cui le loro competenze sono più necessarie. Queste risorse qualificate possono scegliere di mettere radici nel nostro paese e avere maggiori probabilità di contribuire all’economia locale – come investitori, imprenditori o colmando le lacune di competenze nel mercato del lavoro locale.

Rendere più facile per gli studenti internazionali rimanere dopo la laurea – che per definizione possiedono tre tratti associati a tassi più elevati di imprenditorialità: gioventù, istruzione superiore e cittadinanza straniera – significherà che l’Italia attirerà più degli ambiziosi “Millennipreneurs” e li farà contribuire a un’economia classificata come una delle più imprenditoriali e favorevoli agli affari al mondo.

I giovani sono più imprenditoriali che mai, e certamente più imprenditoriali dei loro genitori più anziani “baby boomer”. Noi come società dovremmo fare tutto il possibile per garantire che questo potenziale latente sia pienamente realizzato e che i fattori esterni – che si tratti di legami familiari e ricchezza, o un regime di immigrazione inadeguato – non ostacolino i “Millennipreneurs”.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article