33.1 C
Parma
domenica, Agosto 14, 2022

I trattori di Coldiretti ‘invadono’ le piazze italiane. A Piacenza presidio in Prefettura “Costi di produzione insostenibili”

Dalle campagne di tutta la provincia fino alla sede della Prefettura di Piacenza.

Nella mattinata del 17 febbraio, gli allevatori del settore lattiero-caseario associati a Coldiretti si sono mobilitati per dare voce alle difficoltà che stanno attraversando, legate soprattutto all’aumento dei costi di produzione. Una protesta che non ha toccato solo Piacenza. Agricoltori, allevatori e pastori, con trattori e animali al seguito, infatti, hanno lasciato le campagne e invaso le città, da nord a sud del Paese: da Milano a Firenze, da Piacenza a Cagliari, da Palermo a Roma.

“Il settore lattiero-caseario è una realtà consolidata ed importante per Piacenza – ha evidenziato il direttore Roberto Gallizioli -. E’ un settore che riguarda pianura, collina ma anche e soprattutto montagna: una realtà, quest’ultima, che rischia di scomparire, ma che è essenziale per il territorio. Oggi produciamo abbondantemente sotto i costi di produzione – ha aggiunto -. Gli ultimi dati di Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, ndr) dicono che i costi di produzione al litro del latte sono intorno ai 46 centesimi. Noi in montagna siamo abbondantemente sotto i 40 centesimi, mentre in pianura non andiamo sopra i 40-41 centesimi. C’è bisogno di un cambio di passo importante, in questo senso speriamo che dal Governo arrivi un contributo essenziale al riconoscimento del giusto prezzo del latte alla stalle”.

Durante la mattinata una delegazione di allevatori, accompagnata dallo stesso direttore Roberto Gallizioli e dai Delegati confederali Giovanni Benedetti e Marco Allaria Olivieri, salirà dal Prefetto di Piacenza Daniela Lupo per consegnare un documento con le richieste di Coldiretti al Governo. “Si tratta di una piattaforma di iniziative concrete a favore del settore per aiutarlo in questo momento difficile – ha spiegato Gallizioli -: stiamo parlando, in particolar modo, di uno sblocco di risorse del Pnrr per 2,7 miliardi di euro, di cui 1,5 destinato alla realizzazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle stalle, quindi ad impatto zero a livello ambientale, che permetterebbe di abbattere i costi energetici, oggi arrivati ad un livello insostenibile. Una parte delle risorse andrebbe poi destinata ai contratti di filiera, che nel settore lattiero caseario essenziali. Speriamo poi che il Governo chiarisca definitivamente che il digestato, il letame, è considerato fertilizzante: questo permetterebbe alla nostra agricoltura, che è la più green d’Europa, di poter dire che il chimico viene totalmente eliminato dalle nostre realtà agricole”.

“I costi di produzione sono aumentati, non è possibile che non si possa pagare ciò che è giusto ai produttori – ha quindi sottolineato il delegato confederale Giovanni Benedetti -. Vogliamo un’agricoltura che possa dare sostegno al Paese, per questo gli agricoltori devono essere nelle condizioni di produrre liberamente e serenamente. Non è possibile che il prezzo del latte sia così basso rispetto a ciò che accade dalle altre parti del mondo”.

A dare sostegno alla protesta di Coldiretti anche alcuni esponenti politici locali, tra cui i consiglieri regionali Katia Tarasconi (Pd) e Matteo Rancan (Lega), il consigliere provinciale Giampaolo Maloberti (Lega) e il senatore Pietro Pisani (Lega).

Presidio Coldiretti in Prefettura
Presidio Coldiretti in Prefettura
Presidio Coldiretti in Prefettura

Coldiretti, il presidente Prandini scrive a Draghi “Sbloccare 2,7 miliardi per filiere ed energie rinnovabili”  – Una lettera appello al Presidente del Consiglio Mario Draghi per chiedere interventi immediati per l’agroalimentare Made in Italy e difendere l’economia, il lavoro ed il territorio, contro speculazioni e rincari. A scriverla sono il presidente della Coldiretti Ettore Prandini e il Segretario generale Vincenzo Gesmundo, in occasione della grande mobilitazione con decine di migliaia di allevatori ed agricoltori che, con trattori e animali, hanno lasciato le campagne per scendere in piazza da Nord a Sud d’Italia e gridare la propria intenzione di non volersi fermare, nonostante siano sempre più strozzati dalle speculazioni.

“La difficile situazione congiunturale determinata dal significativo aumento del costo dell’energia e dal parallelo aumento dei mangimi e dei concimi – si legge nella missiva -, sta facendo venir meno una soglia di ‘soddisfazione’ per l’andamento delle imprese che stava risalendo e mettendo radici a partire dagli anni difficili che hanno fatto seguito alla grande crisi, prima finanziaria poi economica, del 2009. Una soglia di soddisfazione che nel giro di pochi mesi è crollata dal 38% al 20%. Al di là di questo vissuto, a preoccuparci, tuttavia, sono soprattutto l’oscurità e l’incertezza per il futuro, con oltre 1 impresa su 5 (21%) che si dichiara incerta circa la situazione economica della propria impresa nei prossimi 12 mesi. Coldiretti e i suoi associati nel corso della loro storia, hanno sempre saputo che la ‘stabilità’ costituisce il più prezioso dei terreni per garantire sviluppo e benessere. Il suo Governo rappresenta in questo momento, l’unica chiave di possibile stabilità per il paese anche grazie all’impegno e ai progetti del Pnrr, che offrono prospettive all’Italia. Ci rivolgiamo quindi a lei, nella consapevolezza che lei possa creare le condizioni per uscire da un’impasse, determinata dai rincari energetici e dall’affaticamento dell’apparato burocratico ministeriale. Per dare respiro al mondo agricolo e restituire ad esso traiettorie di speranza e di futuro le risorse ci sono e non sono mai state così elevate.

Le chiavi normative per farlo hanno soltanto bisogno di essere adeguatamente efficientate. È urgente che almeno una parte delle risorse del Pnrr già stanziate per l’agricoltura, come gli 1,2 miliardi per i contratti di filiera e 1,5 miliardi per il fotovoltaico senza consumo di suolo, vengano messe a disposizione quanto prima delle nostre imprese con semplici decreti ministeriali. Già così parte di un’incertezza che sta assumendo caratteri minacciosi, sarà dissolta. Se inoltre sul fronte del credito, grazie alla sua moral suasion nei confronti degli istituti bancari, riuscissimo ad incentivare operazioni di ristrutturazione e rinegoziazione del debito delle imprese agricole attraverso la garanzia del 100% pubblica e gratuita di Ismea, le nostre aziende tornerebbero a respirare. Quanto le chiediamo è quindi semplice: sbloccare in tempi brevissimi un flusso di risorse – inspiegabilmente ‘fermo’ da mesi – capace di accelerare il piano di transizione ecologica e alleviare il peso del debito, senza uccidere la capacità di investimento delle aziende. Si tratta – conclude la lettera al premier Draghi – di un passo agevole, basta dare immediata e pratica attuazione alla normativa necessaria. Coldiretti continuerà sempre a battersi per dare risposte concrete alle imprese e al Paese”.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article