3.8 C
Parma
lunedì, Novembre 29, 2021

Il dialetto protagonista a Palazzo Galli con i vincitori del premio “Faustini”

Dopo la cerimonia di premiazione a Palazzo Galli del 12 giugno scorso, la 42ª edizione del Premio di poesia dialettale “Valente Faustini” promosso dalla “Famiglia Piaśinteina” ha celebrato il suo momento conclusivo – nell’ambito dell’Autunno culturale della Banca di Piacenza, che fin dalla prima edizione sostiene la manifestazione ideata da Enrico Sperzagni – con la presentazione, sempre a Palazzo Galli (in Sala Panini, con Sala Verdi videocollegata) della pubblicazione che raccoglie i testi di tutte le composizioni poetiche e dei brani dei partecipanti all’edizione 2020 del concorso nazionale dedicato al più grande poeta piacentino. Nel corso della serata – che ha visto gli interventi di Danilo Anelli e Pino Spiaggi – è stata data lettura delle opere dei vincitori, ai quali sono state consegnate le motivazioni della giuria.

Questi i vincitori della 42ª edizione del Premio Faustini: per la sezione “Poesia”, Anna Botti (1° premio ex aequo) con Braghein cürt e suttaneina alzera; Fabrizio Solenghi (1° ex aequo) con L’ültim salüt; Silvia Arfini (2° ex aequo) con Al cüssein di pinser; Mario Schiavi (2° ex aequo) con Sira d’inveran; Elena Lamberti (3° ex aequo) con Parché me; Gianna Pezzi (3° ex aequo) con L buf; Alfredo Lamberti (premio speciale giuria) con la Munta di ratt; Anna Persi (premio speciale “Luigi Paraboschi”) con La lüśerta col paltò; per la sezione “Racconto”, Cesare Ometti (1° premio) con Strä pr’ andä a cà; Alfredo Lamberti (2°) con Amur prun grand fium; Anna Botti (3°) con E stasira cus guardumia?; Rino Scrivani (premio speciale giuria) con La cruciera; Pier Giorgio Barbieri (premio speciale “Luigi Paraboschi”) con Quànd andäva a scòla elementära.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article