3.4 C
Parma
martedì, Dicembre 6, 2022

Il Jazz entra nelle scuole di tutta Italia: nasce a Piacenza la rete “Jazz Mood Schools”

Concerti, musica live, eventi, laboratori: con il progetto Jazz Mood Schools la musica Jazz e d’improvvisazione entra nelle classi di tutta Italia.

Un’iniziativa che parla piacentino – capofila è l’Istituto Omnicomprensivo “San Colombano” di Bobbio – ma che punta ad estendersi capillarmente un po’ ovunque. Una “rete” diffusa che in poco più di una settimana ha messo insieme già una ventina di scuole, la maggior parte di Piacenza: oltre all’istituto di Bobbio, hanno infatti aderito il Liceo Gioia, il Quarto Circolo, la scuola di Lugagnano e di San Nicolò, il Volta di Castel San Giovanni e l’Isii Marconi. Ma al progetto si sono uniti anche da Cuneo, Cologno Monzese, Modena, Lamezia, Genova, Favignana (Trapani).

La sinergia è nuova, ma l’idea parte da lontano. “Nell’aprile 2020, in pieno lockdown, insieme al musicista bergamasco Claudio Angeleri abbiamo pensato di portare la musica nelle scuole grazie alla Dad – spiega Angelo Bardini, ex docente, attuale vicepresidente del Piacenza Jazz Club e referente di Jazz Mood Schools -. Un’iniziativa che ha coinvolto 250 classi in tutta Italia, con musicisti noti ed emergenti. Poi l’idea si è sviluppata anche nel 2021, con altre iniziative sia in presenza che a distanza. Da quell’esperienza, coinvolgendo anche Vittoria Volterrani ed Ilaria Manfredi dell’Istituto di Bobbio, oltre ad Eleonora Galli, dirigente scolastica di Cologno Monzese, abbiamo deciso di creare questa nuova rete per proporre ai giovani studenti eventi musicali, concerti, laboratori, interviste ai musicisti e tanto altro. Una rete nazionale, aperta a tutti, in cui è possibile entrare con il solo impegno di organizzare, almeno una volta all’anno, un evento dedicato al jazz”.

Jazz Mood schools

Lo schema di Jazz Mood Schools, ci tiene ad evidenziare Bardini, si ispira a quello di “Biblòh!” e di “Dalla classe all’orchestra”, : due progetti, rivolti alle scuole primarie e secondarie, sostenuti dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano che riguardano lo sviluppo di biblioteche scolastiche innovative e la didattica delle discipline musicali con un’attenzione particolare all’integrazione scolastica. “Solo mettendosi insieme è possibile fare eventi di successo – evidenzia Bardini -. Fare rete significa aiutarsi, crescere e condividere buone pratiche. Con Jazz Mood Schools l’obiettivo è portare dentro le scuole, anche le più piccole, dove è difficile arrivare, il jazz e la musica d’improvvisazione. Il primo appuntamento sarà in occasione dell’International Jazz Day, con eventi dal 26 al 30 aprile. Organizzeremo delle lezioni e dei concerti: un modo per far conoscere la musica ai bambini, ma soprattutto per fare cultura”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Omnicomprensivo Bobbio (@iobobbio)

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article