L’assist di David Beckham a Safilo: l’accordo sugli occhiali fa balzare il titolo

BECKHAM koPD 258x258@IlSole24Ore Web
BECKHAM koPD 258x258@IlSole24Ore Web
http://www.ilsole24ore.com/images2010/Editrice/ILSOLE24ORE/MODA24/2019/05/16/Moda24/ImmaginiWeb/Ritagli/BECKHAM-koPD--258x258@IlSole24Ore-Web.jpg

«Sognando Beckham»: si intitolava così il film che nel 2002 rese famosa Keira Knightley, che interpretava una calciatrice di 18 anni innamorata dell’allora star del Manchester United David Beckham. In 17 anni sono successe molte cose: anche grazie al matrimonio con la ex Spice Girl Victoria, che risale al 1999, Beckham si è trasformato da giocatore di bell’aspetto a modello e poi business man, occupazione a tempo pieno da quando, nel 2013, si è ritirato dal calcio.

L’accordo con Safilo
La mossa più recente è di ieri: l’accordo di licenza decennale con Safilo, seconda azienda italiana dell’occhialeria dopo Luxottica (ora Essilor-Luxottica). Gli occhiali saranno presentati nel gennaio 2020 e l’effetto sui conti della società si vedrà nella prima trimestrale del prossimo anno, ma l’annuncio ha già fatto bene al titolo, che ieri ha chiuso con un progresso del 4,14%. Safilo è in piena fase di rilancio: dopo anni difficili, nel 2019 sembra esserci un’inversione di tendenza: il 9 maggio sono stati annunciati i dati del primo trimestre, con ricavi saliti, a cambi costanti, del 3,4% a 247,3 milioni. Da inizio anno il titolo ha guadagnato circa il 50%, ma guardando agli ultimi dodici mesi la perdita supera il 60%.

Beckham sempre più «business man»
Tre giorni fa l’ex campione aveva acquistato il 33% della Beckham Brand Company dall’azionista di minoranza Simon Fuller (ex manager delle Spice Girls) e ha ora il 100% della società che gestisce ogni sua partnership e co-branding, come riportato da Financial Times: un impegno a rafforzare il mito di sé stesso e la sua ricchezza che potrebbe far bene anche a Safilo. E alla stessa Beckham Brand Company, che detiene anche una quota della nuova squadra della Major League Soccer americana, l’Inter Miami (prima di concludere la sua carriera al Paris Saint Germain, nel 2013, Beckham giocò alcune stagioni nella squadra di calcio di Los Angeles, il Galaxy).

L’anima da «bad boy». Ma non con la moglie
L’annuncio dell’operazione (valutata in 50 milioni di dollari da Financial Times) è arrivato il giorno dopo che David Beckham si è visto ritirare la patente per sei mesi in Gran Bretagna per aver utilizzato il telefono mentre era al volante. Con la moglie Victoria (che veniva definita la “Posh” Spice, la Spice “elegante”) David Beckham è stato molto generoso: in gennaio ha investito 23 milioni di sterline (oltre 26 milioni di euro) nel brand di lusso Victoria Beckham, oggi partecipato dal fondo di private equity Neo investments partners. Il marchio sfila a Londra e a New York e ottiene recensioni entusiastiche da parte dei giornali di moda (online e offline), ma non decolla nelle vendite, anche per i prezzi, da autentico brand del lusso.

© Riproduzione riservata

Argomenti:
- Advertisement -