5.1 C
Parma
domenica, Gennaio 29, 2023

La storia di don Vittorione raccontata in un libro, sabato 10 la presentazione a Piacenza

Non è “la solita storia di Vittorione l’uomo col pancione…”, quella che il giornalista Gianni Spartà racconta nel suo libro “Don Vittorione l’Africano” (Pietro Macchione Editore) è una storia diversa: è quella di un uomo, Vittorio Pastori, che ha aiutato dissidenti ed ebrei a espatriare in Svizzera durante la seconda guerra mondiale. È quella di chi ha incontrato monsignor Enrico Manfredini e insieme a lui ha dato vita ad Africa Mission Cooperazione e Sviluppo, il Movimento che da 50 anni opera in Uganda scavando pozzi e occupandosi della formazione dei giovani e dell’accoglienza dei rifugiati. Quella storia sarà raccontata a Piacenza sabato 10 dicembre alle 10.45 a Palazzo Rota Pisaroni: a intervenire sarà appunto Spartà, intervistato dalla giornalista de “Il Nuovo Giornale” Barbara Sartori. L’evento offrirà l’occasione di ricordare il fondatore di Africa Mission, ma anche di raccontare i numerosi progetti che vedono il Movimento impegnato da cinquant’anni.

Durante l’incontro, che sarà aperto dai saluti istituzionali del Comune e della Diocesi di Piacenza-Bobbio, interverranno il padre comboniano Marco Canovi, il presidente di Africa Mission don Maurizio Noberini e la collaboratrice storica del Movimento Cristiana Strozzi. Nei giorni scorsi una copia del volume era stata consegnata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al presidente della Cei monsignor Matteo Maria Zuppi. “È il vescovo di Piacenza Enrico Manfredini – spiega l’autore – a convincere Vittorione a occuparsi dell’Africa: lui allora comincia a organizzare viaggi in Karamoja, chiedendo ai partecipanti di riempire le valigie di cibo. Le valigie in breve tempo diventano container e aerei cargo, Hercules C 130 dell’Aeronautica militare. È un fantastico ponte solidale che dopo 50 anni sta ancora in piedi – prosegue – manca solo una cosa: che don Vittorione venga riconosciuto santo. Fa parte di quella schiera di profeti di oggi come Gino Strada, Giuseppe Ambrosoli, Alex Zanotelli. I santi vanno riconosciuti e quello che mi auguro è che si apra almeno un processo di beatificazione in Africa: per il suo popolo don Vittorione è già santo”.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article