16.9 C
Parma
venerdì, Ottobre 7, 2022

Libri, musica e teatro: a Cerignale torna il festival Transumanza

Per il quinto anno ritorna nel borgo di Cerignale (Piacenza) il festival letterario “Transumanza, libri e lettori in movimento” organizzato dalle librerie indipendenti Bookbank e Fahrenheit 451.

Sabato 21 e domenica 22 agosto la piccola kermesse dedicata ai libri ospiterà scrittori, giocolieri, musicisti, camminatori, amanti della  montagna e ovviamente i tanti appassionati di libri. In questa edizione sarà presente anche il mercatino agricolo dei Contadini Resistenti. “Abbiamo pensato ad un programma molto vario – spiegano Sonia Galli (Fahrenheit 451) e Sara Marenghi (BookBank) – che coniugasse la nostra mission – portare le persone a riscoprire quell’oggetto tanto amato quanto temuto e che pare essere in odore di estinzione, il libro – con la riscoperta del territorio, il teatro, la musica, i mercatini”.

Di seguito il programma completo

SABATO 21 AGOSTO

– Ore 15.30, Apertura librerie del Festival

– Ore 16,  APPENNINO: NUOVI VIAGGI, MESTIERI, STILI DI VITA

Progetto #vivolappennino2021. Ricominciamo da qui: voci e testimonianze di chi, nelle aree interne, vive e lavora. Giuseppe Magistrali, esperto di turismo sociale e direttore del Distretto ASL di Ponente e Greta Bernardi, progetto Youth Worker, dialogano con Adele Boncordo e Anna Leonida di Associazione Nuovi Viaggiatori. “Questo incontro dimostra l’attenzione che quest’anno vogliamo ulteriormente rafforzare su temi che ci vedono impegnati da tempo e che l’emergenza pandemica nei fatti ha reso ancora più necessari” dichiara Adele Boncordo, presidente dei Nuovi Viaggiatori. “La recente realtà dell’Appennino rivela che il mondo giovanile in Italia non è fatto solo di cervelli in fuga verso l’estero, ma anche di ragazze e ragazzi che collocano il loro progetto di vita e di lavoro in un territorio fino a ieri dimenticato o letto solo in termini di difficoltà. Occorre cambiare prospettiva, perché il margine può farsi centro, se riscoperto con attenzione e rispetto. Quello che i giovani stanno facendo.”

– Ore 17, “CAMMINARE, PELLEGRINARE” con Filippo Arcelloni

“Camminare, pellegrinare” è una conferenza/spettacolo, scritta come una sorta di abbecedario del cammino, dove ad ogni parola segue un racconto che ricorda fatti ed esperienze del cammino. Alternando, in base al tipo di pubblico presente, momenti di racconto a braccio con pezzi di narrazione teatrale, verrà lasciato un ampio spazio alle domande che verranno poste dal pubblico. Obiettivo finale è informare sulla Via Francigena, spiegare cosa vuol dire essere pellegrino ai giorni d’oggi e mettere voglia al pubblico di provare una esperienza di cammino. Conferenza/spettacolo adatto a tutti, previsto un contributo “a cappello”

– Ore 18, LA CENA DEI COSCRITTI (Bottega Errante Edizione) L’autore MICHELE MARZIANI dialoga con MATTEO EREMO

C’è Pino Capaldi, in arte Pinocchio, che da ragazzo ha imparato a costruire esche artificiali nientemeno che dal finlandese Lauri Rapala in persona. E c’è Joško, a cui la guerra in Bosnia ha strappato una vita da guardapesca sul fiume Una. E poi c’è Gino, il bibliotecario finché in paese c’è stata la biblioteca, con alle spalle qualche sogno di rivoluzione. Eccoli, sono loro, i coscritti di Riva Cannobbia, classe 1942. Loro che proprio non hanno nessuna intenzione di rassegnarsi a un mondo che li vorrebbe vecchi, fragili e imbottiti di medicine e resistono a dispetto del paese che si spopola e sembra scomparire sotto i loro occhi. Così, quando in nome del progresso le autorità locali promuovono la costruzione di una diga saranno proprio loro, Pino, Joško e Gino a mettere in piedi un’improbabile protesta che ha il sapore di un gioco goliardico in grado di sconvolgere il paese e la valle intera.

– Ore 19, RESTA

Spettacolo a cura di PIC NIC CIRCUS DUO LUDILO Due corpi in movimento e una corda verticale. Uno spazio vuoto che si rivela una matrioska di mondi possibili che si diverte a cambiare forma, cambiare regole, cambiare la relazione che ci lega. Uno spazio prezioso da allestire con cura e attenzione, la stessa che hanno i bambini quando si preparano a giocare. (la) resta è una lunga fune di canapa, è una filza di agli intrecciati, è una piccola parte necessaria, il filamento della spiga di grano, la lisca del pesce. Resta è un’esortazione a fermarsi, a rimanere, è una sosta, è “non te ne andare”; resta è esserci ancora. Partendo da questa definizione, lo spazio diventa la stanza dei giochi di due bambine, un disegno tridimensionale che si fa e si disfa, una parte complessa, incerta e mutevole della relazione che lega due individui. La corda è un rompicapo, un mezzo di trasporto per andare e tornare, un legame che diventa visibile e tangibile. Previsto un contributo “a cappello”

– Ore 21, REPLICA DELLO SPETTACOLO

DOMENICA 22 AGOSTO

– Ore 8.30, ESCURSIONE NATURALISTICA con guida a cura di WALK THE NATURE. Prevista quota di partecipazione. Info e prenotazione a walkthenature@gmail.com oppure Nadia 3397845381 – Silvia 3331326864. Ritrovo al parcheggio di Cerignale. L’itinerario, con partenza da Cerignale, dopo aver superato il campeggio “Le Piane”, proseguirà nel bosco tra imponenti castagni, fino ad arrivare alla meravigliosa zona umida di Selvarezza. Sosta per il pranzo godendosi la bellezza della piana con vista sul Monte Lesima. L’escursione continuerà in un percorso ad anello che ricondurrà il gruppo all’abitato di Cerignale.

– Ore 9-13 Apertura Mercatino agricolo a cura di CONTADINI RESISTENTI (piazza del Municipio)

– Ore 10-13, A SBIRCIAR LIBRI (piazza del Municipio) letture per tutti

“A sbirciar libri” è un progetto del gruppo artistico ION di Davide Fasoli e Barbara Eforo. Un invito a chi passa a sbirciare al di là della finestra per ascoltare la voce delle pagine che la donna dietro ai vetri legge, legge, legge e non si fermerebbe mai. Perché i libri le regalano un mondo senza muri e senza confini. Con un grazie speciale a Giampiero Devoti che protegge e cura la storia delle nostre colline (la finestra è un suo dono). Il progetto sarà presente dalle 10 nella Piazzetta del Municipio e dalle 15.30 presso il Mercato dei libri.

– Ore 15.30, Apertura librerie del Festival

– Ore 15.30-16.30, A SBIRCIAR LIBRI letture per tutti

– Ore 17, SECONDO CASADEI, ROMAGNA MIA ED IO. IN VIAGGIO CON MAMMA SULLE TRACCE DI UN GENIO SEMPLICE (Baldini+Castoldi). L’autore Gabriele Dadati dialoga con Sara Marenghi. Accompagnamento musicale con la fisarmonica di Franco Guglielmetti

All’inizio di questa storia c’è un ragazzino che la notte scappa di casa per andare ad ascoltare i grandi che suonano. A volte lo fanno nelle osterie, altre nei circoli di partito, più spesso sulle aie o nelle stalle. Siamo nella Romagna di inizio Novecento. E c’è chi, dopo aver lavorato tutto il giorno, non rinuncia a sognare. Il ragazzino si chiama Secondo Casadei. Pur destinato a diventare sarto come il padre, sarà abbastanza caparbio da farsi comprare un violino e da diventare capo orchestra diciottenne. Arrivando a esibirsi centinaia di volte l’anno e a scrivere, con “Romagna mia”, una delle canzoni italiane più famose al mondo. Come tutte le grandi storie d’amore, però, anche quella di Secondo con la musica deve superare difficoltà che paiono insormontabili. Quando scoppia la guerra è infatti costretto a riporre lo strumento e a tirare fuori nuovamente l’ago. Poi i bombardamenti radono al suolo la sua casa e lui sfolla in una stalla. Infine torna la pace, ma iniziano a fischiarlo: gli americani hanno portato la loro musica e i giovani non ne vogliono più sapere di valzer, polke e mazurke. Secondo Casadei tiene duro e ce la fa ancora una volta. Adesso lo cercano tutti, televisione compresa. Lui però non smette di suonare nei paesini o di accompagnare i funerali di chi, nel testamento, ha scritto che per l’ultimo viaggio vuole l’orchestra. In questo libro, dunque, si racconta una storia d’amore grandiosa. Ma anche il viaggio di uno scrittore che in compagnia della sua mamma romagnola torna sui luoghi di quella storia.

– Ore 18, URLA SEMPRE PRIMAVERA (NNE). Una storia d’amore e lotta, un sogno lucido e folle dove la natura si supera dando vita a una nuova umanità. L’autore MICHELE VACCARI dialoga con IRINA TURCANU

Per Zelinda il presente è il 2022, e Genova, la sua città, è messa a ferro e fuoco come nel G8 del luglio 2001. Procreare è diventato un reato, e per Zelinda l’ultima ribellione è la fuga, per mettere in salvo la bambina che porta in grembo a costo della sua stessa vita. Per il Commissario Giuliani il presente è l’8 settembre 2043, quando viene chiamato a indagare sulla morte di un uomo centenario che ha cambiato le sorti del paese. Per Spartaco il presente è sua nipote Egle, la figlia di Zelinda: lui, partigiano, queer, militante, dovrà addestrarla a combattere per se stessa e per gli Orfani del bosco, i bambini sopravvissuti. Presente, passato e futuro entrano senza bussare nella vita di Egle che, depositaria di una storia familiare e di un potere legato ai sogni, è l’unica in grado di immaginare il cambiamento. Nella Metropoli che è diventata l’Italia, un’oligarchia di uomini anziani, la Venerata Gherusia, ha cancellato istruzione e scienza, avvelenato terre e città, e i cittadini devono scegliere di estinguersi. Ma la scintilla del sogno è così potente da piegare la realtà, aprendo la strada alla rivoluzione.

– – – –

Per partecipare agli eventi è necessario essere in possesso di:

– certificazione verde COVID-19, che può essere rilasciata dopo la somministrazione della prima dose di vaccino e ha validità dal quindicesimo giorno successivo fino alla data prevista per la somministrazione della seconda dose (nel caso di vaccino a doppia dose). La certificazione verde ha in ogni caso una validità di nove mesi dal completamento del ciclo vaccinale;

– la guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi);

– effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore)

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article