2.3 C
Parma
sabato, Dicembre 4, 2021

Piacenza Baseball, il film della stagione: partenza lenta, poi filotto di vittorie e quinto posto finale

Piacenza Baseball, il resoconto della stagione 2021 (nota stampa)

Con la testa di tutta la squadra già proiettata alla prossima stagione, è tempo di analizzare l’andamento del Campionato 2021 concluso dal Piacenza baseball al quinto posto del Girone A di Serie B:
la falsa partenza, costituita da quattro sconfitte consecutive, era anche preventivabile non avendo potuto svolgere una normale pre season a causa delle restrizioni per covid: con uno staff tecnico nuovo, quattro giocatori arrivati in prestito da integrare ed altri da convertire in ruoli diversi da quelli cui erano abituati, il periodo di adattamento è stato svolto durante le prime giornate di Campionato. Il segnale positivo di queste quattro partite però è giunto dai punteggi: tre incontri si sono chiusi con Piacenza in svantaggio di un solo punto, un altro invece di due segnature. Considerando il livello delle avversarie (Reggio Emilia e Codogno) le prestazioni lasciavano intendere che con un po’ di amalgama in più ed una migliore condizione fisica e mentale i risultati avrebbero ben presto invertito la rotta. Così è stato e i biancorossi hanno ottenuto due successi sull’Ares, uno su Fossano e Avigliana; uno, importantissimo, contro la allora capolista Poviglio e la doppietta a Legnano. Poi sono arrivate due sconfitte contro lo Junior Parma prima del derby del Po, prima giornata di ritorno, che ha forse sancito il punto di svolta della stagione per la squadra di Marenghi: dopo aver perso gara uno per 9-3 fornendo una prestazione sottotono, Piacenza ha affrontato il secondo incontro con una grinta vista raramente negli incontri precedenti. Alla fine è arrivato il successo in walkoff all’ultimo turno di battuta. Vittoria che ha aperto un ciclo che nessun altro nel girone A può vantare: nove vittorie consecutive, delle quali sei con margine superiore a sette punti chiuse per regola di manifesta superiorità. Nove vittorie ottenute sempre con prestazioni convincenti, soprattutto in attacco, ma anche condite da prove solide da parte dei lanciatori. La striscia di vittorie consecutive si è interrotta a Poviglio, con i padroni di casa obbligati a vincere per sperare nella promozione ed i piacentini scesi in campo con un pizzico di timore reverenziale in gara uno. Persa poi anche gara due in terra reggiana, sono in seguito arrivate altre tre vittorie consecutive: due contro il già retrocesso Legnano e una sul campo dello Junior Parma che ne ha di fatto affossato le speranze di promozione in serie A. Ultima gara combattuta e chiusa in favore dei parmigiani, animati per l’occasione da una forte fame di rivincita.
Volendo dividere in due il Campionato, si può notare come nel girone d’andata il Piacenza abbia ottenuto sette vittorie e nove sconfitte. Nel girone di ritorno invece il bilancio è di dodici vittorie e quattro sconfitte; miglior record dell’intero girone.

La classifica finale rivela il livello di competitività del girone, con Poviglio promossa in virtù della classifica avulsa, avendo chiuso a pari merito sia con Codogno, sia con Junior Parma. A seguire il tris di testa, Reggio Emilia staccato di quattro partite, poi Piacenza ad un solo incontro di distanza dai reggiani. Molto staccate invece le quattro inseguitrici Fossano, Avigliana, Ares Milano e Legnano, tutte con bilancio inferiore a quota 500.

In definitiva la stagione si può considerare assolutamente positiva, probabilmente anche al di sopra delle aspettative iniziali: il lavoro svolto da manager Marenghi e dai coaches Agosti, D’Auria, Rossi e Palazzina ha dato i frutti sperati e la squadra ha assimilato bene le tattiche di gioco e le modalità di allenamento; l’impronta data dallo staff, volta ad una maggior considerazione del gioco e del suo livello, ha responsabilizzato i giocatori e creato in loro un atteggiamento più professionale. Tutto questo si è tramutato nelle prestazioni sul campo viste nel girone di ritorno.
Si chiude la stagione ripartendo da questi punti fermi, proiettati ad un 2022 che si auspica ancora migliore.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article