6.7 C
Parma
lunedì, Novembre 28, 2022

Pubblica Valtrebbia: in un anno 200mila km percorsi. Via la tesseramento

La Pubblica Assistenza e Soccorso “Valtrebbia” di Travo ha dato ufficialmente il via alla campagna tesseramenti 2022. Solitamente in occasione delle festività natalizie l’associazione travese era solita fare un bilancio con volontari, sostenitori e amici trovandosi a cena insieme. Per il secondo anno consecutivo, la Pubblica di Travo ha deciso, pur con grande tristezza, di non effettuare momenti aggregativi, decidendo di adottare un atteggiamento prudenziale dato l’aumento dei contagi.

Il presidente Fiorenzo Bonetti ha comunque inviato una lettera a tutti i volontari per ringraziarli dell’impegno straordinario profuso in questo 2021, ricordando i dati del lavoro effettuato nell’ultimo anno dalla Pubblica Assistenza di Travo.

IL BILANCIO – Sono stati oltre 500 gli accompagnamenti di cittadini privati, disabili, non autosufficienti, anziani o soggetti con fragilità sociosanitarie presso presidi ospedalieri e studi medici per terapie, visite o esami clinici. Circa 400 sono stati poi i servizi per i dializzati, un migliaio i trasporti interospedalieri in convenzione e quasi 400 gli interventi di emergenza 118. Sono state ricordate anche le 25 giornate in totale di lavoro a Bologna e Piacenza per dare un supporto a realtà in difficoltà per l’emergenza pandemica e la decina di coperture straordinarie di turni notturni per far fronte alla sospensione del servizio di emergenza a Rivergaro, in aggiunta alla copertura in convenzione 118 tutti i giorni dalle 8 alle 20 e la notte del sabato. Infine, novità importante di quest’anno è stata la formazione in tema di protezione civile di un gruppo di volontari della Pubblica travese, che oggi può contare su una trentina di operatori di protezione civile pronti a intervenire su scenari comunali, regionali e nazionali.

Sono numeri che il Presidente ha definito impressionanti: i mezzi dell’Associazione nell’insieme hanno percorso più di 200.000 Km con un aumento di oltre il 30% rispetto all’anno precedente. Non a caso nel 2021 è stata acquistata e inaugurata una nuova ambulanza: sempre maggiori infatti appaiono le necessità di un territorio sempre più caratterizzato dall’invecchiamento della popolazione e da una presenza turistica estiva davvero importante. L’auspicio è duplice: innanzitutto, che sempre più persone mettano il loro tempo a disposizione della collettività e dei soggetti più fragili, secondariamente che prosegua l’attenzione a progetti non coperti da convenzione ma essenziali per il territorio che si reggono unicamente su offerte liberali, come i trasporti di anziani e persone non autosufficienti.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article