22.9 C
Parma
domenica, Ottobre 2, 2022

Ultima seduta del Consiglio provinciale prima del voto, 11 milioni di interventi per le strade

Consiglio Provinciale, ultima seduta del mandato 2018/2022: oltre undici milioni di euro in arrivo per una serie di interventi sulla viabilità stradale – Si è riunito giovedì 22 settembre l’ultimo Consiglio Provinciale del mandato 2018/2022: sabato 24 settembre, infatti, l’elezione del nuovo presidente della Provincia segnerà l’inizio del mandato 2022/2026.
Ad aprire la seduta è stato il consueto spazio per le comunicazioni, che ha principalmente toccato alcune questioni aperte nel trasporto pubblico locale, in primis le accresciute esigenze di mezzi per gli studenti. Il Consiglio è poi passato all’esame dei sei punti all’ordine del giorno. Il primo era relativo al bilancio consolidato del Gruppo Provincia di Piacenza: il Testo Unico Enti Locali stabilisce che entro il 30 settembre l’Ente approvi il bilancio consolidato con i bilanci dei propri organismi ed enti strumentali e delle società controllate e partecipate.

Per il 2021 il risultato economico del Gruppo Provincia di Piacenza (che comprende Ente Gestione Biodiversità e Parchi Emilia Occidentale, ASP Città di Piacenza, ASP Morigi, Fondazione Istituto sui trasporti e la logistica, ACER-Azienda Case Emilia-Romagna per Piacenza, Tempi Agenzia S.r.l., Piacenza Expo S.p.a., Lepida S.c.p.a.) è positivo per 1.021.644 euro, e l’impatto rispetto al risultato della Provincia è +5%. Il patrimonio netto al 31/12/21 è di 118.096.486 euro. Il Consiglio Provinciale ha poi approvato il riconoscimento della legittimità del debito fuori bilancio, per 3.272,14 euro, dovuto ad una sentenza del Tribunale di Piacenza. La somma di cui al debito fuori bilancio è accantonata nel fondo rischi contenzioso dell’avanzo di amministrazione risultante dal rendiconto dell’esercizio 2021.

È stata poi approvata la convenzione tra il Comune di Bobbio e la Provincia di Piacenza per la concessione in uso gratuito all’Ente di Corso Garibaldi di parti dell’immobile comunale (compresi la palestra collocata all’interno dell’immobile e l’annesso campo da calcio) che è sede, a Bobbio, della secondaria di secondo grado dell’Istituto Omnicomprensivo “San Colombano”. Il Comune concede gratuitamente alla Provincia porzioni dell’immobile vincolandone l’utilizzo come sede della scuola. Dal canto suo la Provincia si fa carico delle spese di ufficio, di arredamento e di allestimento ad uso scolastico degli spazi, delle utenze e delle spese di manutenzione ordinaria degli spazi oltre che della palestra, del campo da calcio e degli spazi comuni dell’immobile utilizzati dagli studenti e dal personale scolastico. La convenzione è rilevante perché la scuola – ad indirizzo tecnico commerciale – riveste un ruolo strategico nell’ambito formativo provinciale, soprattutto per la Val Trebbia, in quanto le più vicine alternative tra le secondarie di secondo grado sono collocate nel capoluogo di provincia, a notevole distanza.

Al quarto punto all’ordine del giorno la verifica dello stato di attuazione dei programmi dell’Ente al 30 giugno 2022. Il D.Lgs. 267/2000, che disciplina la materia del controllo strategico, prevede che ciascun Ente si doti di strumenti per la verifica dello stato di attuazione dei programmi secondo le linee approvate dal Consiglio, attraverso metodologie “finalizzate alla rilevazione dei risultati conseguiti rispetto agli obiettivi predefiniti, degli aspetti economico-finanziari connessi ai risultati ottenuti, dei tempi di realizzazione rispetto alle previsioni, delle procedure operative attuate confrontate con i progetti elaborati, della qualità dei servizi erogati e del grado di soddisfazione della domanda espressa, degli aspetti socio-economici”. I principali dati in merito ai 117 obiettivi gestionali (75 di singole strutture, 42 trasversali a più strutture) e i loro riflessi sugli obiettivi strategici sono stati al centro della presentazione del direttore generale della Provincia, Vittorio Silva.È seguita l’approvazione del Consiglio all’unanimità, come per tutti i punti in discussione ieri.

La ripartizione e l’utilizzo dei fondi messi a disposizione dal Decreto 9 maggio 2022, che assegna alle Province risorse destinate al finanziamento degli interventi relativi a programmi straordinari di manutenzione straordinaria e adeguamento funzionale e resilienza ai cambiamenti climatici della viabilità stradale, sono stati oggetto della presentazione del dirigente del servizio Viabilità, Davide Marenghi. Con l’unanime approvazione, da parte del Consiglio provinciale, dell’articolato programma ottennale 2022-2029 si rende possibile l’utilizzo dei fondi: gli uffici potranno elaborare le informazioni richieste dal Ministero e trasmetterle entro il termine previsto (il 30 settembre) per accedere alle risorse destinate alla Provincia di Piacenza, che sono pari a oltre 11 milioni di euro. Gli interventi proposti dovranno essere progressivamente recepiti nel Bilancio provinciale e nel programma triennale dei lavori pubblici.

Il Consiglio Provinciale ha infine approvato la mozione presentata dalla consigliera Patrizia Calza: è stato accolto l’invito – rivolto alla prossima presidente della Provincia – ad organizzare un incontro di approfondimento sul tema del contenimento del costo della pubblica illuminazione, affinché i Comuni possano confrontarsi con tutti i portatori di interesse del settore e valutare così l’opportunità di azioni condivise per far fronte all’attuale congiuntura, segnata da pesanti rincari e dalle incertezze connesse all’evolversi della situazione internazionale.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article