3.4 C
Parma
martedì, Dicembre 6, 2022

Un rigore e un autogol salvano il Piacenza a Busto Arsizio (2-2)

PRO PATRIA – PIACENZA 2-2 – FINALE
Pierozzi al 2′, Cesarini al 51′ (R), Galli al 55′, Pizzul (A) all’82’

Il Piacenza rimonta due volte la Pro Patria e torna con un punto dalla trasferta di Busto Arsizio. Non una prova brillante, è bene dirlo subito, quella dei biancorossi, capaci comunque di riprendere in qualche modo una partita che ad un certo punto i padroni di casa sembravano avere in pugno. Subito sotto dopo due minuti, la squadra di Scazzola ha pareggiato ad inizio ripresa con un rigore realizzato da Cesarini; neanche il tempo di festeggiare, ecco il nuovo vantaggio della Pro Patria, con il 2-2 arrivato nel finale grazie ad un’autorete. Un punto guadagnato.

LA PARTITA – Emergenza a centrocampo per Scazzola, che getta subito nella mischia il nuovo acquisto Castiglia. Esordio in biancorosso anche per Cosenza, a comporre la linea difensiva a tre insieme a Nava e Marchi. In avanti gioca Raicevic, con Cesarini e Gonzi a supporto. L’avvio di gara è da dimenticare per i biancorossi, che dopo due minuti sono già sotto: un errore in fase di impostazione innesca una veloce ripartenza dei padroni di casa, il pallone arriva a Ferri il cui traversone trova all’appuntamento Pierozzi che anticipa tutti infilando di testa Pratelli. Colpito a freddo, il Piacenza reagisce e costruisce subito una buona occasione, ma Cesarini, lanciato in verticale da Castiglia, viene recuperato sul più bello in piena area; subito dopo è Raicevic con una girata di testa ad andare vicino al bersaglio. Poco prima del quarto d’ora Nava deve alzare bandiera bianca dopo uno violento scontro fortuito con Marchi, al suo posto entra Armini. La gara è vivace e la Pro Patria va vicina al raddoppio: Piace sorpreso da una rimessa laterale, la conclusione di Nicco, deviata sotto misura da un difensore biancorosso, trova pronto Pratelli che salva i suoi. Meglio la Pro Patria nella prima frazione, con la squadra di Scazzola che fatica a costruire, complici anche diversi errori in fase di impostazione – e a rendersi pericolosa. E nel recupero Marino, già ammonito, rischia grosso andando ad intercettare con il braccio un traversone di Pierozzi: i padroni di casa chiedono il secondo giallo, di parere opposto il direttore di gara.

A inizio ripresa Scazzola manda in campo Munari per Marchi, passano quattro minuti e i suoi pareggiano: Boffelli intercetta con il braccio in area un traversone di Giordano, l’arbitro indica il dischetto e Cesarini non sbaglia spiazzando Caprile. Potrebbe iniziare un’altra partita, ma la Pro Patria si riporta subito in vantaggio: fa tutto Piu, che controlla la sfera in area, si gira e calcia in diagonale, Pratelli risponde un grande intervento ma sulla respinta arriva Galli che da due passi deve solo appoggiare in rete: 2-1. Neanche un giro d’orologio e il numero uno biancorosso è costretto a chiudere ancora su Piu, che si era involato verso la porta dopo uno svarione difensivo. Dalla panchina si alza Dubickas, che prende il posto di Giordano; la gara sembra scivolare dalle mani dei biancorossi, mai pericolosi, ma all’83’ un guizzo sulla sinistra di Lamesta – appena entrato – innesca l’azione del pareggio: sul suo servizio verso il centro dell’area Munari, dopo un tentativo respinto, rimette al centro un pallone deviato da Pizzul alle spalle del proprio portiere. Raicevic ha la palla buona per il clamoroso sorpasso, nel recupero Cosenza stende Piu lanciato a rete e viene espulso. L’ultima conclusione è di Nicco, finisce 2-2.

Il Piacenza sale a quota 23 in classifica, sabato prossimo al Garilli arriverà il Mantova.

TABELLINO Aurora Pro Patria – Piacenza 2-2 (1-0)

Aurora Pro Patria: Caprile; Vaghi, Boffelli, Molinari; Pierozzi (66’ Brignoli), Ferri (89’ Fietta), Nicco, Galli, Pizzul; Ghioldi (72’ Parker), Piu. All.: Prina.
Piacenza: Pratelli; Nava (14’ Armini), Cosenza, Marchi (46’ Munari); Parisi, Gonzi, Castiglia, Marino, Giordano (66’ Dubickas); Cesarini (79’ Lamesta), Raicevic. All. Scazzola.

Marcatori: 3’ Pierozzi; 51’ rig. Cesarini; 56’ Galli; 81’ aut. Pizzul

Arbitro: Sig. Turrini (Firenze). Assistenti: Sig. Monaco (Termoli) e Sig. D’Ilario (Tivoli). IV Assistente: Sig. Iannello (Messina)
Ammoniti: Molinari, Marino, Castiglia
Espulsi: Cosenza

LA CRONACA

FINALE a Busto Arsizio, Piacenza che si prende un punto contro la Pro Patria.

Espulso Cosenza al 91′ per un fallo da ultimo uomo. Piace che chiude in 10.

Piace che conclude in attacco alla ricerca del gol della vittoria.

Cartellino giallo per Castiglia all’85’.

Pareggio del Piacenza all’82’ grazie all’autogol di Pizzul. Azione in percussione di Lamesta, palla a Munari che tira e rimpallo fortunato per l’intervento del giocatore avversario, gol biancorosso insperato.

Altro cambio tra i biancorossi al 79′: dentro Lamesta al posto di Cesarini.

Al 67′ fuori Giordano, dentro Dubickas.

Prova il tiro Munari dal limite dell’area, palla altissima.

Adesso il Piacenza prova a riportarsi sotto per recuperare. Siamo al 60′.

Dura poco il pari a Busto, al 55′ Galli riporta avanti i padroni di casa: cross da destra per Piu, stop e girata respinta corta da Pratelli, irrompe Galli che segna senza problemi.

La mette Cesarini al 51′ nel sette dagli undici metri, Piacenza pareggia.

Calcio di rigore per il Piacenza, fallo del mano in area  di un difensore bustocco.

Nel Piacenza dentro il neo acquisto Munari per Marchi, rimasto infortunato dopo lo scontro con Nava nel primo tempo.

Via al secondo tempo.

Al 48esimo finisce il primo tempo.

Pro Patria Piacenza

Incursione della Pro Patria nel finale di tempo in contropiede, fallo e calcio di punizione per i padroni di casa.

Piacenza senza iniziativa, la partita si trascina verso la fine della prima frazione. Due minuti di recupero concessi.

Ammonizione per Marino al 34′ per un fallo su Ferri. Tra i lombardi era stato ammonito Molinari.

Poche emozioni nella fase centrale del match.

Metà del primo tempo, poco Piacenza e tanta Pro Patria. La difficoltà nella costruzione del gioco è il problema più grande dei biancorossi.

Ancora Cesarini pericoloso, la mette in area cercando Raicevic ma libera la difesa bustocca.

Occasione della Pro Patria, Pratelli salva la porta biancorossa sul tiro improvviso di Nicco al 15′.

Scontro aereo tra Marchi e Nava per colpire il pallone, col secondo costretto ad uscire per infortunio. Entra al 14′ al suo posto Armini.

Colpo di testa di Raicevic all’8′, ma palla che finisce alta.

Reazione del Piacenza con Cesarini che entra in area ma aggancia male il pallone, occasione svanita al 4′.

In vantaggio la Pro Patria con Pierozzi che di testa infila al 2′ Pratelli. Cross di Ferri da destra e stacco perfetto dell’esterno sinistro biancoblu che indisturbato piazza la palla in rete.

Partito il match, calcio di avvio dei lombardi. Arbitra il signor Niccolò Turrini di Firenze.

Squadre in campo, Piacenza con la maglia verde. Sole a Busto Arsizio.

I padroni di casa si schierano con il classico 3-5-2 nel quale Pierozzi e Pizzul agiscono sugli esterni in mediana con il trio di centrocampo formato dall’ex biancorosso Nicco, supportato da Ferri e Galli. Davanti Ghioldi e Piu. Piacenza con Marchi preferito ad Armini in difesa, mentre in avanti Cesarini fa coppia con Raicevic supportati da Gonzi.

Ecco gli undici in campo dal primo minuto, Scazzola getta nella mischia subito i neo acquisti Cosenza e Castiglia, davanti c’è Raicevic.

E’ un Piacenza con tanti volti nuovi quello che si presenta alla ripresa del campionato dopo la prolungata sosta causa Covid. I biancorossi, chiamati a ripartire dopo una prima parte di stagione deludente chiusa con il ko a Trento nell’ultima gara del 2021, viaggiano in direzione Busto Arsizio per affrontare la Pro Patria, formazione in piena zona playout ma staccata di sole due lunghezze dalla squadra di Scazzola (domenica, fischio d’inizio alle 14.30).

Il mercato invernale ha portato cinque nuovi innesti – gli esperti Cosenza e Castiglia, i giovani Munari e Rillo oltre a Massimiliano Rossi alla sua prima esperienza fra i professionisti – anche se per la gara di domenica Scazzola, soprattutto in mediana, si ritrova con gli uomini contati vista l’assenza di Bobb (impegnato in Coppa d’Africa), le squalifiche di Sulijc e dello stesso Rossi e l’infortunio di Corbari (che dovrà sottoporsi ad un intervento al ginocchio e ha concluso anzitempo la sua stagione). Non ci sarà nemmeno Rabbi, fermo per un infortunio alla caviglia.

Questo post è stato pubblicato da Piacenza Sera

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest article